Colazione in riva al mare

Non importa dove, ma l’importante è farla.

In questo caso l’immagine che ho impressa negli occhi e nel cuore di questi giorni pasquali trascorsi al mare, mi suggerisce che anche il dove ha la sua importanza.
Un cappuccino preso al bar della zona commerciale vicino a casa o alla macchinetta in ufficio ha tutt’altro fascino.

Cielo terso e borino hanno caratterizzato queste giornate di svago e non ho potuto fare a meno di concedermi molteplici colazioni a casa, al mare, al bar sorseggiando il caffellatte triestino, cioè il cappuccino milanese.

Dall’esperienza che ho maturato in Welcome Weight (un giorno ve la racconterò) ho imparato quanto sia importante la colazione del mattino per affrontare la giornata. Seguendo la prolungata fase di digiuno notturno, la prima colazione è in grado di rimettere in movimento il metabolismo dell’organismo, preparandolo alle attività della giornata. Esiste consenso sul fatto che la colazione dovrebbe contenere circa il 20% delle calorie della giornata (pari a circa 400 kcal), e sulla necessità che la colazione stessa contenga fonti di carboidrati e di zuccheri, almeno un prodotto a base lattea (latte o yogurt), e un prodotto a base di frutta.
In questi giorni i carboidrati e zuccheri hanno fatto da padrone, ma da oggi conto di rimettermi in carreggiata dopo gli stravizi pasquali.
Buona giornata.