Tiramisù express con sifone

Come affrontare degnamente la routine milanese?

Lo scontro con la dura realtà del rientro non si è fatta attendere. Ho dovuto sfoderare in famiglia, fin da subito, le mie migliori acrobazie per incastrare visite mediche, inizio della scuola, lezioni di inglese, pallavolo, calcio, catechismo, dentista … e poi spesa, casa, lavoro, mal di denti,…
Alla sera accoccolati al proprio marito (dopo aver preparato la cena, messo i bambini a letto, cucinato, per il girono dopo, lavato e stirato) cosa c’è di meglio che gustare un dolce al cucchiaio peccaminoso per consolarsi di un autunno prematuro,  di un rientro incasinato e di una vita che non sempre prende la piega giusta?

Il tiramisù lo adoro. E’ uno tra i miei dolci preferiti. Ho provato a realizzare la versione light, senza tuorlo tutto albume, a sperimentare ricette con e senza panna, versioni leggere con ricotta e frutta, ma nessuna rivisitazione mi ha mai convinta realmente, fino ad ora.

Cosa mi serve?

Ingredienti per 12 persone  (sifone da un litro)

500 gr mascarpone
200 gr zucchero a velo
120 gr di tuorli (circa 6 uova)
2 bombolette per sifone
savoiardi q.b.
cacao amaro q.b.

Come procedo?

Ho montato i tuorli con lo zucchero a velo nella planetaria fintantoché sono diventati spumosi e chiari, quindi ho aggiunto il mascarpone sempre utilizzando la planetaria. La crema così ottenuta, deve essere liscia senza alcun grumo, l’ho messa nel sifone, ho caricato due bombolette di azoto ed ho lasciato riposare il tutto in frigorifero.
Quando ero pronta per gustare il tiramisù ho fatto un molto caffè lungo (io ho utilizzato il percolatore) ho zuccherato il caffè a piacere aggiungendo del marsala. Ho inzuppato dei savoiardi e li ho adagiati sul fondo del bicchiere, all’ultimo ho sifonato la crema di mascarpone e spolverato con il cacao amaro. Una BOMBA!