CHOX – velluto per il palato

Hai mai cercato il cioccolato nel banco frigo?

Trieste. Città del Caffè, Città della Barcolana, Città delle Osmize.
Trieste, da oggi anche Città del Cioccolato. Non mi credete?
Che io sia una triestina, lo sapete. Che amo la mia città natale, non l’ho mai nascosto.
Amo tutto di Trieste: il mare, il carso, la bora, il caffè e ora anche il cioccolato.

chox-crema-spalmabile-cioccolatoCHOX è un’esperienza sensoriale. E’ velluto per il palato, è quella coccola che mi mancava a fine pasto, senza creare la spiacevole dipendenza causata dal cioccolato di bassa qualità e senza allappare la bocca come il cioccolato amaro. Perché il cioccolato buono non è amaro!

CHOX è prodotto a #Trieste e contiene solo le migliori materie prime (cioccolato Domori, caffè illy, frutta Agrimontana) miscelate con cura per ottenere un prodotto unico. Il segreto è il cioccolato puro in crema lavorato semplicemente con acqua. Non ci sono burro né panna, grassi idrogenati, addensanti o altri additivi.

CHOX  è la via di mezzo tra la crema spalmabile e la tavoletta di cioccolato. Per mangiarla ho usato il cucchiaio, per spalmarla l’ho riscaldata, per berla l’ho sciolta.
CHOX è un prodotto unico, un po’ di nicchia, ma va provato almeno una volta. La cosa importante che mi devo ricordare è che devo cercarla nel banco frigo perché è senza conservanti, senza additivi e solo il freddo o il sottovuoto (grazie ai già amatissimi vasetti Weck) ne garantiscono la durata e ne conservano la fragranza.
chox-quadra-cioccolatoIl vasetto di CHOX mi richiama alla memoria la grolla, quale simbolo di amicizia: qui tutti devono affondare il cucchiaino nello stesso vasetto, ma se questo simbolo di condivisione e amicizia non convincesse qualcuno, nel banco frigo c’è anche la QUADRA (CHOX in versione torta).
L’ho comprata, l’ho assaggiata con gli amici, ce la siamo divorata.

Grazie Alessandra che mi hai fatto conoscere a fondo CHOX, durante il festival del cioccolato di Eataly e grazie a Maura, amica vicina all’avventura di “milanesepercaso” e alla mia famiglia.